Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Reumabase.it

Risonanza magnetica: l’FDA sta valutando il rischio dei depositi cerebrali con l'uso ripetuto dei mezzi di contrasto a base di Gadolinio


La FDA ( Food and Drug Administration ) sta indagando riguardo al rischio dei depositi cerebrali dopo uso ripetuto dei mezzi di contrasto a base di Gadolinio ( GBCA ) per la risonanza magnetica ( MRI ).
Pubblicazioni recenti nella letteratura medica hanno riferito che i depositi dei mezzi di contrasto con Gadolinio rimangono nel cervello di alcuni pazienti che si sottopongono a quattro o più scansioni MRI con agente di contrasto, per lungo tempo dopo l'ultima somministrazione.
Non è noto se questi depositi di Gadolinio siano dannosi o possano causare effetti negativi sulla salute.

L’FDA, compreso il Centro Nazionale per la ricerca tossicologica ( NCTR ), studierà ulteriormente questo possibile rischio.
L’FDA sta lavorando assieme alla Comunità scientifica per comprendere il meccanismo di ritenzione del Gadolinio e per determinare se vi siano potenziali effetti negativi sulla salute.

In questo momento, l’FDA non ha richiesto ai produttori di modificare le schede tecniche degli agenti di contrasto basati sul Gadolinio.

Dopo essere stati somministrati, i mezzi di contrasto a base di Gadolinio sono per lo più eliminati dall’organismo tramite i reni.
Tuttavia, tracce di Gadolinio possono rimanere per un lungo periodo nel corpo dei pazienti.
Recenti studi condotti su persone e su animali hanno confermato che il Gadolinio può rimanere nel cervello, anche in individui con funzione renale normale.

Ad oggi, le informazioni disponibili non hanno permesso di identificare eventuali effetti negativi sulla salute.

Raccomandazione

Per ridurre il potenziale accumulo di Gadolinio, gli operatori sanitari devono limitare l’uso degli agenti di contrasto basati sul Gadolinio solo nei casi necessari.
Gli operatori sanitari sono inoltre invitati a rivalutare la necessità dell’uso ripetitivo della risonanza magnetica per immagini con agenti di contrasto basati sul Gadolinio nei protocolli di trattamento definiti.

Questo problema riguarda solo i mezzi di contrasto a base di Gadolinio; non si applica ad altri tipi di agenti di scansione utilizzati per altre procedure di imaging, come quelle che si basano su Iodio o su radioisotopi. ( Xagena2015 )

Fonte: FDA, 2015

Diagno2015 Neuro2015 Farma2015


Indietro