Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Farmaexplorer.it

Rischio di cancro in 680.000 persone esposte a tomografia computerizzata nella infanzia o adolescenza


Uno studio di coorte australiano ha valutato il rischio di cancro nei bambini e negli adolescenti a seguito di esposizione a bassa dose di radiazioni ionizzanti provenienti da tomografie computerizzate diagnostiche ( TC ).

I soggetti nella coorte erano 10.9 milioni di persone segnalate nei registri Australian Medicare, di età compresa tra 0 e 19 anni al 1º gennaio 1985 o nati tra il 1º gennaio 1985 e il 31 dicembre 2005; tutte le esposizioni a scansioni TC nel periodo 1985-2005 sono state individuate per questa coorte.
I tumori diagnosticati nei membri della coorte fino al 31 dicembre 2007 sono stati ottenuti attraverso il collegamento ai registri nazionali di cancro.

I principali esiti sono stati i tassi di incidenza di cancro in individui esposti a una TC più di un anno prima di qualsiasi diagnosi di cancro, rispetto ai tassi di incidenza di cancro negli individui non-esposti.

Sono stati registrati 60.674 tipi di cancro, tra cui 3.150 in 680.211 persone esposte a una tomografia computerizzata almeno un anno prima di qualsiasi diagnosi di cancro.

La durata media del follow-up dopo l'esposizione è stata di 9.5 anni.
L’incidenza totale di cancro è stata superiore del 24% per i soggetti esposti rispetto alle persone non-esposte, dopo aver tenuto conto di età, sesso e anno di nascita ( rapporto tra tassi di incidenza IRR 1.24, P minore di 0.001 ).

È stata rilavata una relazione dose-risposta e l’IRR è aumentato di 0.16 per ogni scansione TC supplementare.

L’IRR è stato maggiore dopo esposizione in età più giovane ( P per trend minore di 0.001 ).
A 1-4, 5-9, 10-14 e 15 o più anni dalla prima esposizione, IRR è stato, rispettivamente, 1.35, 1.25, 1.14 e 1.24.

IRR è aumentato in modo significativo per molti tipi di tumori solidi ( organi digestivi, melanoma, tessuti molli, genitali femminili, tratto urinario, cervello e tiroide ), leucemia, mielodisplasia e alcuni altri tumori linfoidi.

C'è stato un eccesso di 608 tumori nelle persone esposte a tomografia computerizzata ( 147 cervello, 356 altri tumori solidi, 48 leucemia o mielodisplasia, e 57 altri tumori linfoidi ).

Il tasso assoluto di incidenza in eccesso per tutti i tumori combinati è stato pari a 9.38 per 100.000 anni-persona a rischio, al 31 dicembre 2007.

La dose media di radiazione efficace per scansione è stata stimata pari a 4.5 mSv.

L'aumento dell'incidenza di cancro dopo l'esposizione a tomografia computerizzata in questa coorte è stato per lo più dovuto alle radiazioni.
Poiché l'eccesso di presenza di cancro era ancora in corso alla fine del follow-up, l'eventuale rischio nel corso della vita dovuto alla tomografia computerizzata non può ancora essere determinato.

Le dosi di radiazioni provenienti da scansioni TC contemporanee saranno probabilmente inferiori a quelle del periodo 1985-2005, ma un certo aumento del rischio di tumore è ancora possibile dalle scansioni attuali.
Le future tomografie computerizzate dovrebbero essere limitate a situazioni in cui vi è una indicazione clinica definita, con ogni scansione ottimizzata per fornire una immagine diagnostica mediante tomografia computerizzata con la dose più bassa possibile di radiazioni. ( Xagena2013 )

Mathews JD et al, BMJ 2013; 346: f2360

Cardio2013 Endo2013 Farma2013


Indietro