Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Dermabase.it

Predizione di crescita del ematoma ed esito nei pazienti con emorragia intracerebrale utilizzando lo spot sign in angioTC


Nei pazienti con emorragia intracerebrale, l’espansione precoce dell’emorragia influenza l’esito clinico. Il trattamento emostatico riduce l’espansione dell’ematoma, ma non riesce a migliorare gli esiti clinici in molti pazienti.

Una selezione appropriata dei pazienti ad alto rischio di espansione dell’ematoma sembra essere cruciale per migliorare gli esiti.

È stato condotto uno studio per validare in modo prospettico lo spot sign in angiografia-TC per la predizione dell’espansione dell’ematoma.

Lo studio PREDICT ( predicting haematoma growth and outcome in intracerebral haemorrhage using contrast bolus CT ) è uno studio multicentrico, prospettico, osservazionale di coorte nel quale sono stati reclutati pazienti di età uguale o superiore a 18 anni, con emorragia intracerebrale inferiore a 100 mL e presentatisi a meno di 6 ore dall’insorgenza dei sintomi.

Utilizzando 2 laboratori indipendenti, un neuroradiologo ha determinato lo status di spot-sign in angio-TC, mentre un altro neurologo non a conoscenza degli esiti clinici e dei risultati dell’imaging ha misurato i volumi dell’ematoma con planimetria computerizzata.

L’esito primario era l’espansione dell’ematoma definita come una crescita assoluta superiore a 6 mL o una crescita relativa superiore al 33% tra la tomografia computerizzata iniziale e quella al follow-up.

I dati sono stati riportati utilizzando statistiche descrittive standard e stratificati per spot sign in angio-TC; la mortalità è stata valutata con le analisi di sopravvivenza di Kaplan-Meier.

Nello studio sono stati arruolati 268 pazienti.

Il tempo mediano dall’insorgenza dei sintomi alla tomografia computerizzata basale è stato di 135 minuti ( intervallo 22-470 ) e il tempo dall’insorgenza all’angio-TC è stato di 159 min ( 32-475 ).

In totale, 81 ( 30% ) pazienti erano positivi per spot-sign.

L’analisi primaria ha incluso 228 pazienti, che sono stati sottoposti a tomografia computerizzata di follow-up prima dell’intervento chirurgico o del decesso.

Il volume basale mediano della emorragia intracerebrale è stato pari a 19.9 mL nei pazienti positivi per spot-sign versus 10.0 mL in quelli negativi per spot-sign ( p inferiore a 0.001 ).

L’espansione mediana della emorragia intracerebrale è stata di 8.6 mL per pazienti positivi per spot-sign e 0.4 mL per i pazienti spot-negativi ( p inferiore a 0.001 ).

Nei pazienti con espansione dell’ematoma, il valore predittivo positivo per gli spot sign è stato del 61%; il valore predittivo negativo del 78%, la sensibilità è stata del 51% e la specificità dell’85%

Il valore mediano a 3 mesi sulla Rankin Scale modificata ( mRS ) è stato di 5 in pazienti positivi per spot-sign in angio-TC e 3 per quelli negativi ( p inferiore a 0.001 ).

La mortalità a 3 mesi è stata 43.4% nei pazienti positivi per spot-sign in angio-TC versus 19.6% in quelli negativi ( hazard ratio, HR=2.4, p=0.002 ).

In conclusione, queste osservazioni hanno confermato i risultati ottenuti in precedenti studi a singolo Centro che avevano dimostrato che la positività per spot sign in angio-TC era un predittore di espansione dell’ematoma. ( Xagena2012 )

Demchuk AM et al, Lancet Neurol 2012; 11: 307-314


Neuro2012 Diagno2012



Indietro