Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Pneumobase.it

Polimorfismi a singolo nucleotide e densità mammografica più fattori di rischio classici per la previsione del rischio di cancro al seno


I polimorfismi a singolo nucleotide ( SNP ) hanno dimostrato una associazione con la suscettibilità al tumore mammario, ma ci sono prove limitate su come incorporarli nei modelli attuali di previsione del rischio di tumore al seno.

Si è determinato se un panel di 18 SNP possa essere usato per predire il carcinoma mammario in combinazione con i classici fattori di rischio e la densità mammografica.

Uno studio di coorte ha arruolato una sottocoorte di 9.363 donne, di età compresa tra 46 e 73 anni, senza una precedente diagnosi di cancro alla mammella dalla più grande coorte prospettica dello studio PROCAS ( Predicting Risk of Cancer at Screening ) specificamente per valutare i metodi di valutazione del rischio di cancro al seno.
Gli arruolamenti sono stati effettuati tra il 2009 e il 2015 da più Centri di screening basato sulla popolazione a Greater Manchester, in Inghilterra.
Il follow-up è continuato fino a gennaio 2017.

Sono state effettuate la genotipizzazione di 18 SNP, la valutazione visiva percentuale della densità mammografica e la valutazione di rischio classico con il modello di rischio Tyrer-Cuzick da un questionario auto-compilato al momento dell'ingresso nella coorte.

L’esito principale era la capacità predittiva di SNP18 per la diagnosi di cancro mammario ( carcinoma invasivo e carcinoma duttale in situ ).

In totale 9.363 donne sono state arruolate nello studio ( età media 59 anni ). Di queste, 466 avevano il tumore mammario ( 271 prevalente, 195 incidente ).
SNP18 è risultato similmente predittivo quando non è stato aggiustato o è stato aggiustato per densità mammografica e fattori classici ( odds ratio per intervallo interquartile, rispettivamente, 1.56 e 1.53 ), con rischi osservati molto vicini a quanto previsto ( odds ratio aggiustato osservato in rapporto a quanto atteso, 0.98 ).

Una valutazione del rischio combinata ha indicato che il 18% della sottocoorte era a rischio a 10 anni del 5% o più, rispetto al 30% di tutti i tumori, al 35% dei tumori rilevati nell'intervallo e al 42% dei tumori in stadio 2+.
Per contro, il 33% della sottocorte era a rischio inferiore al 2%, ma rappresentava rispettivamente solo il 18%, il 17% e il 15% dei tumori al seno totali, insorti nell’intervallo e di stadio 2+.

In conclusione, SNP18 ha aggiunto informazioni sostanziali alla valutazione del rischio basata sul modello di Tyrer-Cuzick e sulla densità mammografica.
È probabile che un rischio combinato aiuti le strategie di screening e prevenzione stratificate per il rischio. ( Xagena2018 )

van Veen EM et al, JAMA Oncol 2018; 4: 476-482

Onco2018 Diagno2018 Gyne2018



Indietro