Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Malattia cardiovascolare aterosclerotica: applicazione clinica del test della troponina ad alta sensibilità derivato dalle linee guida AHA/ACC 2018


Le lineeguida per la gestione del colesterolo dell'American Heart Association / American College of Cardiology ( AHA/ACC ) del 2018 hanno identificato due gruppi distinti di pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica ( ASCVD ) che hanno richiesto diverse raccomandazioni di trattamento.

Si è determinato se l'aggiunta del test della troponina ad alta sensibilità ( hsTn ) al rischio di malattia ASCVD derivato dalle lineeguida possa migliorare la classificazione del rischio e le raccomandazioni sul trattamento a valle.

È stato eseguito un sottostudio prospettico di coorte sui biomarcatori che ha incluso 8.635 pazienti arruolati nello studio PEGASUS-TIMI 54 ( Prevention of Cardiovascular Events in Patients with Prior Heart Attack Using Ticagrelor Compared to Placebo on a Background of Aspirin–Thrombolysis in Myocardial Infarction 54 ).

I pazienti sono stati assegnati a gruppi di malattia ASCVD ad alto rischio o malattia ASCVD a basso rischio in base alla storia cardiovascolare e alle comorbilità, in linea con i criteri delle lineeguida per la gestione del colesterolo AHA/ACC 2018.
I pazienti sono stati anche classificati sulla base del livello di hsTnI ( test ARCHITECT ) utilizzando cut point di 2 ng/l ( limite di rilevamento ) e 6 ng/l ( soglia di rischio ), seguiti dalla classificazione congiunta sulla base delle caratteristiche cliniche e livello di hsTnI.

L'impostazione era uno studio prospettico di coorte nidificato in uno studio multinazionale completato. I partecipanti erano tutti i pazienti che avevano avuto un infarto miocardico da 1 a 3 anni prima dell'arruolamento, avevano almeno 50 anni di età e avevano almeno una caratteristica ad alto rischio. Le date dello studio andavano dal 2010 al 2014.

L'endpoint primario era un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus.

Tra 8.635 pazienti arruolati nello studio PEGASUS-TIMI 54, l'età mediana era di 65 anni e 6.614 (76.6%) erano uomini; 8.340 (96.6%) erano individui bianchi e 176 (2.0%) erano individui neri.

I pazienti che soddisfacevano i criteri clinici per il gruppo ASCVD ad alto rischio avevano un tasso di eventi a 3 anni di endpoint primario dell'8.8% rispetto al 5.0% nel gruppo ASCVD a basso rischio ( hazard ratio, HR=2.01; P minore di 0.001 ).

Quando i pazienti nel gruppo ASCVD ad altissimo rischio sono stati ulteriormente stratificati in base al livello di hsTnI, 614 pazienti su 6.789 ( 9.0% ) con un livello di hsTnI non-rilevabile hanno avuto un tasso di eventi a 3 anni del 2.7%, che era inferiore al tasso complessivo nel gruppo ASCVD a basso rischio.

Analogamente, nel gruppo ASCVD a basso rischio, 417 pazienti su 1.846 ( 22.6% ) con un livello di hsTnI superiore a 6 ng/l hanno avuto un tasso di eventi del 9.1%, paragonabile al tasso complessivo nel gruppo ASCVD ad altissimo rischio.

L'aggiunta di hsTnI al rischio di ASCVD derivato dalle lineeguida ha portato a un indice di riclassificazione netto a un tasso di eventi di 0.15.
Complessivamente, l'uso di hsTnI ha riclassificato 1.031 pazienti su 8.635 ( 11.9% ) ( 1 su 11 con ASCVD ad alto rischio e 1 su 4 con ASCVD a basso rischio ).

I risultati di questo sottostudio di coorte hanno indicato che una strategia che incorpora hsTn in un algoritmo di rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica derivato dalle linee guida fornisce una stratificazione del rischio avanzata e riclassifica l'11.9% dei pazienti in un gruppo di rischio più appropriato.
Questa applicazione del test hsTn potrebbe essere utilizzata per ottimizzare la cura dei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica. ( Xagena2020 )

Marston NA et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 1255-1262

Diagno2020 Cardio2020



Indietro