Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Onco News

Effetto di una singola dose di Aspirina prima del test immunochimico fecale sulla sensibilità del test per il rilevamento di neoplasie colorettali avanzate


I test immunochimici fecali per l'emoglobina sono ampiamente utilizzati per lo screening del tumore del colon-retto ( CRC ).
Studi osservazionali hanno suggerito che la sensibilità dei test immunochimici fecali per la rilevazione di neoplasie avanzate potrebbe essere aumentata dall'Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ), specialmente tra gli uomini.

È stata valutata la possibilità di aumentare la sensibilità dei test immunochimici fecali somministrando una singola dose di Aspirina orale da 300 mg 2 giorni prima del prelievo di feci.

È stato condotto uno studio randomizzato, controllato con placebo e in doppio cieco in 14 ambulatori di gastroenterologia e 4 ospedali in Germania che ha incluso 2.422 uomini e donne di età compresa tra 40 e 80 anni in attesa di colonscopia, senza recente uso di Aspirina o altri farmaci con effetti antitrombotici ( arruolamento dal 2013 al 2016 e follow-up finale nel 2017 ).

Ai pazienti è stata somministrata una singola compressa contenente 300 mg di Aspirina ( n=1.208 ) oppure placebo ( n=1.214 ) 2 giorni prima del prelievo fecale per il test immunochimico fecale.

L'esito primario era la sensibilità di un test immunochimico fecale quantitativo a 2 cutoff predefiniti ( 10.2 e 17 microg di Hb/g di feci ) per la rilevazione di neoplasie avanzate ( tumore del colon-retto o adenoma avanzato ).

Tra i 2.422 pazienti randomizzati ( età media 59.6 anni; 1.219 uomini, 50% ), 2.134 sono stati inclusi nell'analisi ( 78% per colonscopia di screening primaria, 22% per colonscopia diagnostica ).

Neoplasie avanzate sono state identificate in 224 partecipanti ( 10.5% ), inclusi 8 partecipanti ( 0.4% ) con carcinoma colorettale e 216 partecipanti ( 10.1% ) con adenoma avanzato.

La sensibilità è stata del 40.2% nel gruppo Aspirina e del 30.4% nel gruppo placebo ( differenza 9.8%, P=0.14) al cutoff di 10.2 microg di Hb/g di feci e del 28.6% nel gruppo Aspirina e del 22.5% nel gruppo placebo ( differenza 6.0%, P=0.32 ) al cutoff di 17-microg di Hb/g di feci.

Tra gli adulti di età compresa tra 40 e 80 anni che non usavano l'Aspirina o altri farmaci antitrombotici, la somministrazione di una singola dose di Aspirina orale prima dei test immunochimici fecali, rispetto al placebo, non ha aumentato significativamente la sensibilità del test per la rilevazione di neoplasie colorettali avanzate a 2 cutoff predefiniti di un test immunochimico fecale quantitativo. ( Xagena2019 )

Brenner H et al, JAMA 2019; 321: 1686-1692

Diagno2019 Onco2019 Gastro2019 Farma2019


Indietro