XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

DNA tumorale circolante nel plasma di HPV per la sorveglianza della recidiva nel carcinoma orofaringeo associato a papillomavirus


Il DNA tumorale circolante nel plasma del papillomavirus umano ( ctHPVDNA ) è un biomarcatore sensibile e specifico del carcinoma orofaringeo a cellule squamose associato al papillomavirus umano ( HPV ) ( OPSCC ).

E' stato valutato se il monitoraggio del ctHPVDNA durante la sorveglianza post-trattamento potesse rilevare con precisione la recidiva clinica della malattia.

È stato condotto uno studio clinico sui biomarcatori prospettici tra pazienti con tumore OPSCC non-metastatico associato a HPV ( p16-positivo ).
Tutti i pazienti sono stati trattati con chemioradioterapia con intento curativo.

I pazienti sono stati sottoposti a tomografia a emissione di positroni 3 mesi post-chemioradioterapia e sono stati successivamente valutati clinicamente ogni 2-4 mesi ( anni 1-2 ), quindi ogni 6 mesi ( anni 3-5 ).
L'imaging del torace è stato eseguito ogni 6 mesi.

I campioni di sangue sono stati raccolti ogni 6-9 mesi per l'analisi del ctHPVDNA plasmatico utilizzando un test di reazione a catena della polimerasi digitale ( DigitalPCR ).

L'endpoint primario era stimare il valore predittivo negativo ( NPV ) e il valore predittivo positivo ( PPV ) della sorveglianza con ctHPVDNA.

Sono stati arruolati 115 pazienti e sono stati analizzati 1.006 campioni di sangue.

Dopo un periodo di follow-up mediano di 23 mesi, 15 pazienti ( 13% ) hanno sviluppato una recidiva della malattia.

87 pazienti hanno presentato ctHPVDNA non-rilevabile in tutti i momenti temporali post-trattamento e nessuno ha sviluppato recidiva ( NPV, 100% ).

28 pazienti hanno sviluppato un ctHPVDNA positivo durante la sorveglianza post-trattamento; in 15 è stata diagnosticata recidiva comprovata da biopsia.

16 pazienti hanno avuto 2 esami del sangue per ctHPVDNA consecutivamente positivi, 15 di questi hanno sviluppato recidiva comprovata da biopsia.
Due esami del sangue per ctHPVDNA consecutivamente positivi hanno avuto un PPV del 94%.

Il tempo di sopravvivenza post-diagnosi ( lead time ) mediano tra positività per ctHPVDNA e recidiva comprovata da biopsia è stato di 3.9 mesi.

Il rilevamento di ctHPVDNA in due campioni di plasma consecutivi durante la sorveglianza post-trattamento ha elevati valori di PPV e NPV per identificare la recidiva di malattia in pazienti con tumore orofaringeo associato a virus HPV e può facilitare l'inizio precoce della terapia di salvataggio. ( Xagena2020 )

Chera BS et al, J Clin Oncol 2020; 38: 1050-1058

Neuro2020 Onco2020 Inf2020 Diagno2020



Indietro