Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Onco News

Colonscopia standard versus endoscopia a spettro completo


Benché la colonscopia sia lo standard accettato per l’identificazione di adenomi e carcinomi colorettali, molti adenomi e alcuni carcinomi non riescono ad essere identificati.

Al fine di evitare i tumori colorettali di intervallo, il tasso di adenomi che sfuggono alla colonscopia deve essere ridotto con il miglioramento della tecnica di colonscopia e dell’imaging.

È stato condotto uno studio per confrontare i tassi di adenomi non-diagnosticati con colonscopia endoscopica a spettro completo con quelli della colonscopia standard.

Lo studio internazionale, multicentrico e randomizzato è stato condotto in 3 Centri in Israele, uno in Olanda e 2 negli Stati Uniti nel periodo 2012-2013.

Pazienti di età compresa tra 18 e 70 anni inviati a screening per carcinoma colorettale, controllo di polipi o valutazione diagnostica sono stati sottoposti nello stesso giorno a colonscopia con colonscopio standard e con colonscopia endoscopica a spettro completo.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale, e in un rapporto 1:1, a due gruppi per definire quale dei due esami eseguire per primo.

L’endoscopista non era a conoscenza del gruppo di trattamento fino a poco prima dell’inizio della colonscopia; i pazienti erano a conoscenza del gruppo di assegnazione.

L’endpoint primario era il tasso di adenomi non-identificati e le analisi sono state condotte per per-protocollo.

Sono stati arruolati 197 partecipanti e 185 sono stati inclusi nelle analisi per-protocollo: 88 ( 48% ) assegnati a ricevere prima colonscopia standard e 97 ( 52% ) a ricevere prima colonscopia endoscopica a spettro completo.

Con analisi per-lesione, il tasso di adenomi non-identificati è risultato significativamente più basso nel gruppo endoscopia a spettro completo che in quelli del gruppo procedura standard: 5 ( 7% ) su 67 vs 20 ( 41% ) su 49 adenomi non sono stati identificati ( p inferiore a 0.0001 ).

Con la colonscopia standard sono sfuggiti all’identificazione 20 adenomi in 15 pazienti; di questi, 3 ( 15% ) erano adenomi in stadio avanzato.

Con l’endoscopia a spettro completo sono sfuggiti all’identificazione 5 adenomi in 5 pazienti nei quali un adenoma era già stato identificato con la colonscopia standard effettuata in precedenza; nessuno di questi adenomi era in stadio avanzato.

Un paziente è stato ricoverato in ospedale per colite identificata con la colonscopia, mentre sono stati riportati 5 eventi avversi minori inclusi vomito, diarrea, cistite, gastroenterite e sanguinamento.

In conclusione, l’endoscopia a spettro completo rappresenta un avanzamento tecnologico per la colonscopia e potrebbe migliorare l’efficacia dello screening per carcinoma colorettale e dei controlli successivi. ( Xagena2014 )

Gralnek IM et al, Lancet Oncol 2014; 15: 353-360

Diagno2014 Gastro2014 Onco2014



Indietro