XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it

Biopsia guidata da risonanza magnetica, sistematica e combinata per la diagnosi del tumore alla prostata


L'uso della biopsia sistematica 12-core della prostata è associato a inesattezze diagnostiche che contribuiscono sia alla diagnosi eccessiva che alla diagnosi insufficiente del tumore prostatico.
Le biopsie guidate da risonanza magnetica ( MRI ) possono ridurre la classificazione errata del tumore prostatico negli uomini con lesioni visibili alla risonanza MRI.

Gli uomini con lesioni alla prostata visibili alla risonanza MRI sono stati sottoposti a biopsia sia guidata con MRI sia sistematica.

L'esito primario era la rilevazione del tumore in base al gruppo di grado ( raggruppamento di gradi Gleason ).
Il gruppo di grado 1 era riferito a malattie clinicamente insignificanti; il gruppo di grado 2 o superiore a tumore con rischio intermedio favorevole o peggiore; e il gruppo di grado 3 o superiore a tumore con rischio intermedio sfavorevole o peggiore.

Tra gli uomini che sono stati sottoposti a successiva prostatectomia radicale, sono stati registrati l’upgrading e il downgrading del gruppo di grado dalla biopsia all'analisi istopatologica di campioni chirurgici.

Gli esiti secondari sono stati la rilevazione di tumori del gruppo di grado 2 o superiore e del gruppo di grado 3 o superiore, la rilevazione del tumore stratificata in base al precedente stato di biopsia e la riclassificazione del grado tra biopsia e prostatectomia radicale.

In totale 2.103 uomini sono stati sottoposti a entrambi i metodi di biopsia; il tumore è stato diagnosticato in 1.312 ( 62.4% ) da una combinazione dei due metodi ( biopsia combinata ) e 404 ( 19.2% ) sono stati sottoposti a prostatectomia radicale.

Le percentuali di rilevazione del tumore alla biopsia guidata da risonanza magnetica per immagini sono state significativamente più basse rispetto alla biopsia sistematica per i tumori di gruppo di grado 1 e significativamente più alta per i gruppi di grado da 3 a 5 ( P minore di 0.01 per tutti i confronti ).

La biopsia combinata ha portato a diagnosi di tumore in 208 uomini in più ( 9.9% ) rispetto a entrambi i metodi da soli e all’upgrading a un gruppo di grado superiore in 458 uomini ( 21.8% ).
Tuttavia, se fossero state eseguite solo biopsie mirate con risonanza MRI, l'8.8% dei tumori clinicamente significativi ( gruppo di grado 3 e superiore ) sarebbe stato classificato erroneamente.

Tra i 404 uomini sottoposti a successiva prostatectomia radicale, la biopsia combinata è stata associata a minor numero di upgrade al gruppo di grado 3 o superiore all'analisi istopatologica di campioni chirurgici ( 3.5% ) rispetto alla biopsia mirata con MRI ( 8.7% ) e alla biopsia sistematica ( 16.8% ).

Tra i pazienti con lesioni visibili alla risonanza magnetica per immagini, la biopsia combinata ha portato a una maggiore rilevazione di tutti i tumori della prostata.
Tuttavia, la biopsia guidata con MRI da sola ha sottostimato il grado istologico di alcuni tumori.
Dopo prostatectomia radicale, l’upgrade al gruppo di grado 3 o superiore all'analisi istopatologica è stato sostanzialmente più basso dopo la biopsia combinata. ( Xagena2020 )

Ahdoot M et al, N Engl J Med 2020; 382: 917-928

Onco2020 Diagno2020 Uro2020



Indietro