Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
XagenaNewsletter

Associazione tra livelli circolanti di microRNA 124-3p ed esito dopo arresto cardiaco extra-ospedaliero


Il valore dei microRNA ( miRNA ) come biomarcatori è stato valutato in diversi contesti clinici.
Studi iniziali su piccola scala hanno suggerito che miRNA potrebbero essere utili indicatori di risultato dopo l'arresto cardiaco.

È stato esaminato il valore prognostico dei miRNA circolanti in un'ampia coorte di pazienti in coma con arresto cardiaco extraospedaliero.

Un sottostudio dello studio multicentrico randomizzato, in cieco, TTM ( Target Temperature Management After Cardiac Arrest ), ha confrontato gli esiti neurologici a 6 mesi e la sopravvivenza dei pazienti con arresto cardiaco dopo gestione della temperatura a 33 °C oppure a 36 °C.

Sono stati arruolati 579 pazienti che sono sopravvissuti per le prime 24 ore dopo il ritorno della circolazione spontanea e con campioni di sangue disponibili per la valutazione dei miRNA da 29 unità di terapia intensiva in 9 Paesi dal 2010 al 2013.
Il prelievo di sangue è stato effettuato 48 ore dopo il ritorno della circolazione spontanea.

L'endpoint primario era l’esito neurologico sfavorevole a 6 mesi ( punteggio di categoria di prestazioni cerebrali 3, gravi sequele neurologiche; 4, coma; o 5, morte ).
L'endpoint secondario era rappresentato dalla sopravvivenza fino alla fine dello studio.

I livelli circolanti di miRNA sono stati misurati mediante sequenziamento e reazione a catena della polimerasi.

Su 579 pazienti ( 265 uomini, 80.3%; età media, 63 anni ), 304 pazienti ( 52.5% ) hanno presentato un esito neurologico sfavorevole a 6 mesi.

Nella fase di scoperta con sequenziamento di RNA breve in 50 pazienti, il livello di miR-124-3p cervello-arricchito è stato identificato come una variabile prognostica per gli esiti neurologici.

Nella coorte di validazione di 529 pazienti, i livelli medi di miR-124-3p erano più alti nei pazienti con un esito sfavorevole ( 8.408 copie/mcl ) rispetto ai pazienti con un esito positivo (1.842 copie/microl; P minore di 0.001 ).

Il livello di miR-124-3p è risultato significativamente associato con gli esiti neurologici nell'analisi univariata ( odds ratio, OR=6.72 ).

All'analisi multivariata, i livelli di miR-124-3p erano indipendentemente associati agli esiti neurologici ( OR=1.62 ).

Più elevati livelli di miR-124-3p erano significativamente associati a una più ridotta sopravvivenza ( hazard ratio, HR=1.63 ).

In conclusione, i livelli di miR-124-3p possono essere utilizzati come strumenti di prognosi per l'esito neurologico e la sopravvivenza dopo arresto cardiaco extra-ospedaliero. ( Xagena2016 )

Devaux Y et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 305-313

Cardio2016 Neuro2016 Diagno2016



Indietro