Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Reumabase.it

Angiografia coronarica TC in pazienti con sospetta angina a causa di malattia coronarica


Il vantaggio della angiografia coronarica TC ( angio-TC coronarica ) in pazienti che si presentano con dolore toracico stabile non è stata studiata sistematicamente.

Lo studio SCOT-HEART ha valutato l'effetto dell’angiografia coronarica TC sulla diagnosi, la gestione e l'esito dei pazienti ricoverati in una clinica cardiologica con sospetta angina a causa di malattia coronarica.

In questo studio prospettico multicentrico, effettuato in Scozia, sono stati reclutati pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni per la valutazione di sospetta angina causata da malattia coronarica.

I partecipanti sono stati randomizzati alle cure standard più angio-TC coronarica o alla sola terapia standard.

L'endpoint primario era la certezza della diagnosi di angina secondaria a malattia coronarica a 6 settimane.

Tutte le analisi sono state intention-to-treat, e i pazienti sono stati analizzati nel gruppo a cui erano stati assegnati, a prescindere dalla compliance della scansione.

Tra il 2010 e il 2014 sono stati assegnati in modo casuale 4.146 ( 42% ) dei 9.849 pazienti avviati a una valutazione di sospetta angina causata da malattia coronarica.

Il 47% dei partecipanti ha avuto una diagnosi clinica di base di malattia coronarica e il 36% aveva angina a causa di malattia coronarica.

A 6 settimane, l’angiografia coronarica TC ha riclassificato la diagnosi di malattia coronarica in 558 pazienti ( 27% ) e la diagnosi di angina a causa di malattia coronarica in 481 pazienti ( 23% ) ( terapia standard 22 [ 1% ] e 23 [ 1% ]; P minore di 0.0001 ).

Sebbene la certezza ( rischio relativo, RR=2.56, P minore di 0.0001 ) e la frequenza di malattia coronarica siano aumentate ( RR=1.09, P=0.0172 ), la certezza è aumentata ( RR=1.79, P minore di 0.0001 ) e la frequenza è sembrata diminuire ( RR=0.93, P=0.1289 ) per la diagnosi di angina causata da malattia coronarica.

Ciò ha cambiato le indagini programmate ( 15% vs 1%; P minore di 0.0001 ) e i trattamenti ( 23% vs 5%; P minore di 0.0001 ), ma non ha influenzato la gravità dei sintomi o i successivi ricoveri in ospedale per dolori al petto a 6 settimane.

Dopo 1.7 anni, l’angiografia coronarica TC è stata associata ad una riduzione del 38% nell’infarto miocardico fatale e non-fatale ( 26 vs 42, hazard ratio, HR=0.62, P=0.0527 ), ma questo non è risultato significativo.

Nei pazienti con sospetta angina a causa di malattia coronarica, l’angiografia coronarica TC ha definito la diagnosi, ha migliorato gli interventi, e potrebbe ridurre il futuro rischio di infarto miocardico. ( Xagena2015 )

The SCOT-HEART investigators, Lancet 2015;385:2383-2391

Cardio2015 Diagno2015



Indietro